ISOLA MUTANTE: FEAR (1°) – Tutte le mie paure

FEAR

La PAURA: questo il tema della seconda mostra (di tre) che ha inaugurato domenica 29 settembre e rimarrà aperta fino al 6 ottobre (tutti i giorni dalle 18.00 alle 20.30) all’interno del progetto ISOLA MUTANTE (su cui mi dilungherò nel prossimo post!):

                                                                                                                                                                 La paura che attanaglia e immobilizza, che riduce l’ingegno e alimenta il sospetto, che rende aggressivi fino a scatenare conflitti di proporzioni inimmaginabili giustificati dall’autodifesa, è il tema del secondo evento in programmazione per la Rassegna ISOLA MUTANTE, proposta da Askosarte in occasione del decennale della sua attività artistica nella provincia di Oristano.
Gli artisti coinvolti sono invitati a raccontare la paura di crescere, di amare, del futuro, del nulla, dell’altro, di noi stessi.
Centinaia di tipi di fobie, fino ad arrivare al paradosso di avere paura di avere paura.

                                                                                                                                                                  E’ da questo spunto e da quello più articolato che riporto in fondo, proposti da Askosarte per FEAR, che sono partita per realizzare Tutte le mie paure.

Ho cominciato buttandole giù, rovesciandole su un foglio, per poi trasporle sul mio corpo, marcate in rosso, paure che fuoriescono dalla mia bocca, rossa anch’essa, fino ad arrivare ai piedi come in una colata.

                                                                                                                                                                  E’ stata come una specie di autoanalisi poco piacevole ma necessaria, in cui ho riportato dalle paure “stupide” a paure grandi così, a paure che non riesco a dire senza lacrime, a paure di cui rido e o che sono fonte inesauribile di cazzeggio…come quella delle blatte!

Dannate blatte, multicolori, scivolose e rapidissime, che sgusciano - blog- DSCN7287 copiasenza controllo e in un attimo potrebbero esserti addosso, e ti lasciano quella sensazione…così…un po’ come come quella data dalla paura (in realtà poveracce cercano la fuga, ma nella mia, di paura, vogliono aggredirmi).

                                                                                                                                                                   Il lavoro di body art che ho eseguito in ore ed ore ha portato alla realizzazione di un’immagine, stampata come piccolo poster, ripetuta come un’eco.

E le paure scritte sul corpo hanno preso nel mio lavoro forma visiva proprio di blatte, di tutte le dimensioni e specie varie…posterini di blatte che escono dalla mia bocca urlante amplificandosi, sempre di più e sempre più grandi.                                                                          - blog -DSCN7283 copia

                                                                                                                                                              Una coscienza antica abita dentro una buia sala da banchetti accanto al soffitto di una mente il cui pavimento si muove come diecimila scarafaggi quando entra un raggio di luce non appena tutti i pensieri riuniscono in un attimo di accordo un corpo che non espelle più nulla gli scarafaggi comprendono una verità che nessuno osa nominare

Psicosi delle 4.48

Sarah Kane 

                                                                                                                                                          Grazie a Sara Giglio per avermi trasmesso questa bellissima frase, che entrambe sentiamo in connessione con questo lavoro perchè, come lei stessa dice:

”la frase di Sarah sintetizza al meglio le tue – nostre paure/perché le nostre paure ci fanno schifo”.

                                                                                                                                                          Voglio ringraziare Melkioro per il supporto, la collaborazione nel “lavoro amanuense” e per l’aiuto nella realizzazione delle foto, che ha scattato mentre saltellavo col bucranio e cercavamo l’immagine giusta.

 

- blog -Pancina scritta DSCN7237                                                                                                                                                - blog -Con Bucranio DSCN7223                                                                                                                                                               *Mi mangio le mani per non aver pensato di filmare/fotografare la performance dall’inizio!*                                                                                                                                                                                                                               - blog - zampette scritte DSCN7198 copia 2                                                                                                                                                          Grazie anche a Chiara Schirru e Michele Mereu per avermi aiutata a ritagliare blatte su blatte, all’ultimo, a poche ore dall’inaugurazione…

                                                                                                                                                             Note varie riprese da qua e là sui miei “film” a tema in questo lavoro/curiosità:

                                                                                                                                                                   Il bucranio (ovvero le corna ed eventualmente il cranio di bue o toro) era attributo della Grande Dea neolitica europea per la sua somiglianza con la forma degli organi riproduttivi femminili, utero e ovaie.

Le corna di toro appartengono alla Dea come Generatrice e Rigeneratrice, generalmente associate a simboli di energia e forza vitale come spirali e serpenti.

                                                                                                                                                                  Io questo bucranione l’ho trovato in campagna, tempo fa, e me lo sono portata a casa…

                                                                                                                                                                  Le corna del toro, così come pure l’ascia bipenne, ricordano la falce di luna (…).

All’inizio il principale dettaglio iconografico peculiare della Dea Madre è l’ascia bipenne, talvolta tramutantesi in attributo aniconico (tra le corna del toro, tra le cime degli alberi).

Al toro è collegato anche il ciclo di vita-morte-resurrezione.

ma io preferisco pensarla come rigenerazione -.

                                                                                                                                                                 La doppia ascia o ascia bipenne, chiamata anche Labrys – Labrys ornamentale minoica - Cretafu trovata durante gli scavi a Creta e risale a circa duemila anni prima del nostro anno zero.

Si fa risalire nella storia e nella mitologia alle società matriarcali e alle amazzoni.

Il simbolismo della labrys si riscontra fin dalla media età del bronzo nell’arte e nella mitologia cretese, tracia, nuragica, greca e bizantina.

Labrys b n013La labrys compare anche nel simbolismo religioso e mitologico africano.

                                                                                                               Dagli anni Settanta in alcuni Paesi la doppia ascia viene utilizzata come simbolo dalle lesbiche.                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

                                                                                                                                                                                                               

                                                                      FEAR                                                                                    


TRASP-FEAR

                                                                                                                                               CINZIA CARRUS_SARA GIGLIO_IPERPLASTICOL_LUCIDEDDU_

DANIELA E FRANCESCA MANCA_
MICHELE MARROCU_TONINO MATTU
_MICHELE MEREU_

MOJU MANULI_ALESSANDRO MELIS _GIANMARCO PORRU_

                                                                                                                                                                                                                           Fear, fear, she’s the mother of Violence, making me tense to watch the way she breed. Fear, she’s the mother of Violence, You know self-defense is all you need. It’s getting hard to breathe, It’s getting so hard to believe, to believe in anything at all.

Peter Gabriel, Mother Of Violence

 

La PAURA è madre di ogni violenza – canta Peter Gabriel in Mother Of Violence – mette ansia guardare di cosa si nutra e di come sia contagiosa, la bocca diviene completamente secca, gli occhi s’iniettano di sangue, capisci che lei è lì presente per quel clima subdolo che si sente nell’aria. Diventa difficile respirare e difficile credere in qualsiasi cosa.

 

La PAURA è liquida – scrive Bauman – sociologo e attento osservatore del mondo contemporaneo, e quella più temibile è la PAURA priva di un indirizzo e di una causa chiari; la PAURA che perseguita senza una ragione, la minaccia che dovremmo temere e che s’intravede ovunque, ma non si mostra mai chiaramente. Uno stato di timore strisciante, sospeso nell’aria, onnipresente anche in assenza di un rischio concreto, e di conseguenza ancora più subdolo – può uscire da qualsiasi angolo o fessura della nostra casa o del nostro pianeta: dalla strada, dalle persone che conosciamo o dagli sconosciuti, dalla natura, da altri popoli.

 

La PAURA è determinata dalla consapevolezza dell’ignoranza individuale, di fronte alla continua e caotica accozzaglia d’informazioni somministrate quotidianamente dai media – sostengono gli studiosi dei mezzi di comunicazione di massa – il costante mutamento dei riferimenti culturali, politici e scientifici, rende sempre più difficile fissare una scala di valori, principii e regole e porta, inesorabilmente, verso una destabilizzazione nevrotica, per placare la quale, si andrebbe alla ricerca di un qualsiasi capro espiatorio da disprezzare, identificato, di volta in volta, nello straniero, nel povero, nel delinquente, nell’analfabeta, nell’omosessuale, e perfino in noi stessi.                                                   

                                                                                                                                                                 La PAURA è il principale strumento di propaganda politica e mediatica – rilevano, e senza scoprire l’acqua calda, alcuni ricercatori – perfino piano strategico delle istituzioni moderne, che come già abbondantemente sperimentato dalla Chiesa e dai Signori nel passato cristiano dell’Europa, la diffondono per ricondurre le esigenze dello stato sociale, al bisogno di protezione dell’incolumità dei singoli individui, pianificandone, dunque, il consenso e il controllo.

                                                                                                                                                                 La PAURA è pulsione di morte, sentenzia Mr. Freud, che nel 1925, scrivendo a Einstein e riferendosi alle cause della guerra nelle relazioni tra gli uomini, gli spiega, cautamente, che la guerra nasce da questa pulsione, perché sembrerebbe umano ricondurre la vita a cosa inanimata: proteggere la propria vita distruggendone un’estranea, spingendo la vita a una materia informe, inerte, insomma, a una “cosalizzazione”. E per Sartre, ne La nausea, esistere corrisponde proprio a fare questa esperienza, il protagonista sperimenta la bruta cosalità della materia che provoca l’angoscia ma che determina, al contempo, un sotterraneo richiamo verso la quiete e l’abbandono, necessari per potersi continuamente riconfigurare.

                                                                                                                                                                 La PAURA è sentimento dal quale affrancarsi, ammonisce il presidente americano Roosevelt nel lungimirante discorso pronunciato davanti al Congresso degli Stati Uniti nel 1941, ponendo la liberazione dalla PAURA, come meta politica primaria cui ogni paese civile deve mirare, al pari  della libertà di parola, della libertà di religione, e della libertà dal bisogno.

                                                                                                                                                                 La PAURA è naturale, dice Osho Rajneesh: non è giudicandola o reprimendola che si può gestire, semmai, si può imparare a osservarla in profondità, in modi nuovi e diversi, per provare a usarla come chiave biologica nella conoscenza di se stessi.

                                                                                                                                                                 La PAURA è traccia, per gli artisti di Askosarte, per presentare la seconda mostra della Rassegna Isola Mutante, che esplora la famiglia, la società e la religione come possibili strumenti inibitori per la crescita personale e creativa. In FEAR, la PAURA è vista come causa prima dell’ansia cronica che rende rigidi e sospettosi, che alimenta il pregiudizio, la violenza e la diffidenza verso le persone nuove, i modi di pensiero diverso, e i differenti stili di vita.

  

                                                                                                                                                                                                                                                      Chiara Schirru_Askosarte

 

This entry was posted in Arte Contemporanea, Collage, Poster Art and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

8 Responses to ISOLA MUTANTE: FEAR (1°) – Tutte le mie paure

  1. Paola says:

    La paura è un’asticella posta ogni volta più in alto, che non tutti riescono a saltare.
    La Pazienza di chi è andato oltre può essere utile a chi è rimasto indietro.
    L’Amore rende coraggiosi. Solo chi supera le proprie paure è coraggioso, gli altri sono solo degli incoscienti.
    Sei bella e brava, io però sono vecchia 🙂

  2. moju says:

    Leggi leggi (clicca Continue reading) c’è scritto 🙂 E dura fino al 6 ottobre 🙂

  3. Elisabetta Delitala says:

    Che bella dev’essere questa mostra! E’ a Solarussa…ma dove?
    Sino a quanto dura?

  4. amara says:

    Te l’ho già detto, ma vale la pena ripeterlo: questo lavoro è estremamente profondo e ispirante. Mi piace la scelta del colore, mi piace l’idea delle blatte e la loro disposozione… E, inoltre, mi fa l’effetto di un pugno nello stomaco. Non solo: è come se, in una parte di cui non sono cosciente della mia mente, qualcosa risuonasse. E’ un richiamo a qualcosa che mi spinge a voler guardare là in fondo. Purtroppo non sono un’artista (nè visuale né altro), perciò non so come fare, ma sento di doverci provare, in qualche modo.
    Grazie, Moju.

  5. moju says:

    🙁 uiiiih!la prossima volta non succederà ;P filmerò tutto!!!

  6. moju says:

    Ciao, è a Solarussa (Oristano), al Project Space di Askosarte (li ho linkati nell’articolo, clicca sul nome), il mio lavoro fa parte di una mostra collettiva (scriverò a breve 😉 )

  7. Barbara says:

    Bello Moju! è davvero un peccato non aver filmato la performance!

  8. api says:

    please dov’è la mostra?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *